Autopsie Canore

Analisi Illogiche di Testi di Canzoni Surreali

Forse che forse Luca ci ha l’amnesia

L’autopsia di oggi riguarda una nuova stella nel mondo della musica, sorta, come molte altre dagli amici di Maria De Filippi. Trattasi di Luca Napolitano, il bel figliolo che espone i suoi dubbi per le radio e le tivvù. Cominciamo con l’analisi del testo e presto scoprirete di quali problemi mentali soffra l’autore oggi scelto.

Dormi dormi,
stai di là
tanto non mi perdo niente.
Passa la pubblicità di un deficiente!

Dunque, lei dorme ed è di là, lui sa che non si perde niente. Nel senso che visto che dorme non è utile e romantico stare a guardarla, nel senso che se non gliela da non serve o nel senso che non sappiamo che senso? E soprattutto, notevole il dettaglio della pubblicità con tanto di offesa. Mi chiedevo se fosse una delle mie preferite degli assorbenti, se fosse Vlady, se fossero i giapponesi con la lingua magica o chi altri. Ma in tutto questo, lui che dice “deficiente” a qualcun altro, non è un passo valido.

Dormi dormi
che non sei più la panna sulla torta.
Questa favola di noi
è andata storta,
è neve che si è sciolta.

Luca continua ad incitare la sua bella alla nanna. Codella non è più panna sulla torta, la solita vicenda che mi fa venire i brividi e mi riporta alla mente il verde coniglio. Nel senso che lei fa i giochini erotici con la panna, che dalla panna è diventata donna, che è innamorato di un barattolo di panna spray o che senso in che senso?


Scusa la sincerità,
non è proprio nel mio stile
zuccherare verità,
mandarle a dire.
Una foglia cade giù
come tutta la mia vita.

Oltre al tasso diabetico elevato, notiamo che l’educazione del giovinotto lo porta a scusarsi per la sua schiettezza e soprattutto ad usare un verso come quello della foglia che cade giù, paragonandola alla sua vita. Questo ragazzi, se fosse Pascoli, indicherebbe insicurezza instabilità e precarietà. Per Luca Napolitano vale come c*****a.

La mia foto insieme a te dov’è finita? Sparita!
Forse forse non l’ho mai scattata,
forse forse non c’è stata mai, non c’è stata..
Forse forse io l’ho stracciata
forse forse forse…

Ma il ritornello, come il titolo, è la parte più bella della canzone. Qui sorge un dubbio che è più amletico dell’essere e del non essere, amare o odiare, dormire o vegliare. Si sta cercando una foto della favola di loro, ma Luca continua a non trovarla. Sarà che sti giovini ci hanno sempre la casa in disordine, ma il dubbio arriva a livelli più alti: forse se l’è soltanto immaginata, quella foto non esiste, è frutto della sua fantasia e di conseguenza, supponiamo noi, anche tutta la storia favola di loro. Oppure in LAPTUS freudiano, l’ha strappata. Boh, mistero, cose che neanche Enrico Ruggeri e Giacobbo.


Le mie scarpe dove sono?
Qui non è più casa mia,
mi va stretto anche il divano,
vado via.

Qui scopriamo e troviamo la conferma del disturbo della personalità o alzheimer precoce di cui soffre il Napolitano. Vabbè perdere la foto, ma pure le scarpe! O vive in una discarica a cielo aperto come i bambini di Mumbai e allora prende quello che trova, se gli va bene, oppure non sta niente bene. Soprattutto perchè un divano, cribbio, non può andarti stretto. Mica è una giacca o una mutanda!


Tu rimani lì con te,
prova a dirmi qualche cosa
che non sia solo la lista della spesa.
Una foglia cade giù
come tuttta la mia vita.

Lei, è chiaro, mantiene le distanze. Si è svegliata sentendolo dubitare ad alta voce dei suoi vuoti di memoria, ma nel frattempo Luca ci offre un altro dettaglio di questa giovine donna. Ha pochi argomenti, lui si lamenta perchè lei sa parlare solo della lista della spesa.
Poi la sua vita cade giù come d’autunno sugli alberi le foglie e ricomincia il dubbio sulla foto, che speriamo possa trovare prima che scriva “l’avevo strappata ma l’ho ricostruita col nastro adesivo”.

La favola di loro e Luca Napolitano con i suoi dubbi

La favola di loro e Luca Napolitano con i suoi dubbi

One Comment

Post a comment