Autopsie Canore

Analisi Illogiche di Testi di Canzoni Surreali

Lana Del Rey: bella, misteriosa e istiga al suicidio

Questa mattina mi sono svegliata ed ho deciso di ascoltare un po’ di musica, YouTube mi consigliava di ascoltare Lana Del Rey. Ho evitato accuratamente per molti mesi di farlo, ma leggendo in giro che tutti apprezzano questa simpatica e sorridente ragazza newyorchese mi sono detta perchénnò e ho cliccato su play.

La canzone in questione era “Born to die” che proprio mi ha messo di buonumore, regalando un pizzico di brio alla mia giornata. Dopo aver visto il video e che lei era tutta gocciolante di sangue sulle braccia di un tizio che si è tatuato pure il bulbo oculare, ho detto “Curioso, clicchiamo su un altro video” e ho visto “Blue Jeans“. Alla fine di quello, ho deciso di fermarmi, perché nel giro di sei minuti lei era morta due volte che nemmeno Kenny di South Park e due volte sulle braccia di quel portasfiga che fa venire le caldane alla Bignardi.

Lana Del Rey spazientita perché non muore

E a proposito, la prima volta che ho visto Lana del Rey è stato alle “Invasioni Barbariche“, quando ha cantato proprio “Blue Jeans” e non mi sembrava tanto a posto con l’intonazione. Sapete com’è, io seguo “Amici” e di musica me ne intendo.  Oggi, quindi, ho deciso di non analizzare semplicemente una canzone ma l’intera ospitata della cantante del momento da Daria Bignardi.

Partiamo dal presupposto che per presentare Lana Del Rey la Bignardi chiama in causa un pubblico di hipster che sul momento di certo l’avrebbero presa volentieri a sprangate, ma la cosa che più si nota e l’energia che Lana porta sul palco e l’entusiasmo con cui si presenta. La Bignardi continua dicendo “Non ci credo, eppure è qui!” entusiasta come se avesse davanti Mirko dei Bee Hive (suo ancestrale sogno erotico). Tutta questa incredulità, che dire, io pensavo fosse un ologramma, come quello di Tupac al Coachella. La Bignardi compie un passo falso e le chiede come mai abbia scelto proprio “Le invasioni Barbariche”. In automatico parte la risposta standard, come i messaggini del telefono che ti avvertono che uno è in riunione: “Mi piace tantissimo l’Italia e sono felicissima di essere qui” ma la parte più bella è “E poi siete stati carini, ci avete invitato e quindi son felice di esser qui“. Per colmare questa pozza di imbarazzo, la Bignardi ripete per la sessantasettesima volta che Lana Del Rey è una cantante misteriosa, ma la giovinetta ci pensa poco e la smonta nel giro di pochi istanti, spiegando che in realtà non ha tantissime cose da dire.

La parte più divertente di questa intervista da dimenticare, a mio parere, è quella in cui la ragazza, che ha solamente 25 anni (arriverà al traguardo dei 26 a giugno e l’anno prossimo potrebbe morire cambiando il suo nome in uno con la J) spiega che negli ultimi otto anni è stata tranquilla, ma prima era una bad girl. Che paura, una ragazza trasgressiva! Cos’avrà fatto di così scapestrato? Si sarà tinta i capelli di rosa? Avrà fumato di nascosto in bagno o, una volta uscita di casa, si sarà messa una gonna e i tacchi in ascensore? Roba da veri duri!

Lana Del Rey inizia a cantare “Blue Jeans”, un brano a cui tiene molto, lasciando avvertire un certo divario tra la versione live e quella del video: questa ragazza di New York è annoiata e ha una voglia di morire che sprizza da tutti i pori, sembra quasi che qualcuno le abbia puntato una pistola alla tempia per essere su un palco. A sentire l’esibizione viene da pensare che persino la Bignardi avrebbe potuto fare di meglio o, che so, un suo ospite a caso, tipo Roberto Saviano o Paolo Villaggio in gonnella. Se ci fosse stata Mara Maionchi l’avrebbe guardata un po’ schifata e avrebbe detto “Bellina sei bellina, ma per me… è no” e Lana avrebbe scritto un’altra canzone con un video in cui sarebbe morta tra le braccia dell’omino tatuato, questa volta dentro una piramide piena di pipistrelli e farfalle colorate con le mummie-zombie tutto intorno.

DIAGNOSI

Analisi complessiva del personaggio: Lana Del Rey è una donna colma di ettolitri di scazzo che si è ritrovata tra le mani la possibilità di diventare ricca grazie a Madre Natura favorevole, che stava giocando dalla sua parte. Ma la Natura è donna e, si sa, le invidie non mancano mai, così, tanto per far capire che è generosa ma non troppo e che non può fare proprio tutto lei, Madre Natura un po’ di corde vocali traballanti gliele ha lasciate. Ultimamente si è parlato di flirt tra Lana e Marilyn Manson ma la verità è che lui girava con la giovane cantante per un solo motivo: così tutti la smetteranno di dire che è lui ad istigare i giovani al suicidio.

5 Comments

  • JENS |

    Non ci posso credere di come la gente possa criticare certe persone in questo modo. Prima di tutto vai ad ascoltare tutto il background musicale di Lana e poi parliamo cara “esperta di musica”.
    La parte che più mi fa raggelare è quando affermi: Sapete com’è, io seguo “Amici” e di musica me ne intendo.
    Ah si?? Segui “Amici”? Aspetta ma non sarà mica quel programma ultra-truccato condotto dalla de Filippi? Una vergogna. Sarebbe fantastico se esistessero cantanti come Lana Del Rey…si vede quanto ne capisci di musica!

  • sally |

    E tu hai capito il senso di questo blog, non si può fare a meno di notarlo!

  • MOBBA |

    ti PREGO JENS, dimmi che non è reale quel commento…dimmi che avevi bevuto un bicchiere di troppo e la sua sagacia si era momentaneamente assopita…

  • Queen Of Disaster |

    Brutti stronzi lasciatela in pace, se non sapete le cose state zitti che ci fate più bella figura!???lasciatemela stare è l’unica persona che mi rende felice in un mondo popolato da teste di cazzo come voi…

  • sally |

    Perdona il ritardo nella risposta, è bello che Lana Del Rey sia in grado di rendere felice qualcuno, però cerca di aggiungere un pizzico di ironia alla tua ricetta della felicità! 😉

Post a comment