Autopsie Canore

Analisi Illogiche di Testi di Canzoni Surreali

Sanremo 2014, and the winner is: il chirurgo di Claudio Baglioni

A Sanremo non è che ci sia tanto bisogno di portare i mega-ospiti internazionali, i criticatissimi denti di Laetitia Casta o chissà che altro: basta che gli piazzi sul palco Claudio Baglioni e il pubblico non capisce più niente. Povero Claudio, per la fobia delle rughe ormai si è completamente rovinato la faccia, non può chiudere gli occhi, sembra Alex DeLarge di Arancia Meccanica, quando lo costringono a tenere gli occhi aperti, solo che in questo caso è tutto ricucito a colpi di bisturi che se disgraziatamente dovesse starnutire mi si scoperchia tutto sul cranio.

E niente, il Festival di Sanremo ieri ci ha regalato un’altra serata noiosa e, come dicevo, è ormai ben chiaro che non servono grandi artisti internazionali, che a noi italiani ci piace l’armadio che sa di naftalina e siamo felici con la Carrà e le gemelle Kessler e con Franca Valeri, che ha fatto commuovere tutti e che, imperterrita, continua a lavorare.

Fabio Fazio e Claudio Baglioni direttamente dal Madame Tussauds

Fabio Fazio e Claudio Baglioni direttamente dal Madame Tussauds

Abbiamo visto Kasia Smutniak col pancino e no, non credo proprio che avesse esagerato a cena, mi dicono che sia incinta. Nel frattempo c’era una versione super fighissima di Francesco Renga, inanellato e  imbraccialettato come se fosse andato a rubare in una gioielleria e si fosse messo tutto addosso per scappare più in fretta, canzoni mediocri tante, sempre tristi da sbattere la testa al muro e poi Noemi. Lì non c’era da sbattere la testa al muro solo per la canzone ma per il taglio e il colore dei capelli e l’abbigliamento, sembrava uscita dal set di Star Trek, con quella ferraglia appoggiata sul collo che se si muove male si infilza e mi muore sul palco. E poi l’hanno fatta dimagrire un sacco e non è che avesse tanta voce, urlava, urlava per la fame, povera Noemi. Ogni anno la vestono sempre peggio, c’è qualcuno lassù che proprio la odia e la riduce così e se i vestiti si possono cambiare, quella frangettina è invece la prova tangibile dell’odio profondo che la circonda.