Autopsie Canore

Analisi Illogiche di Testi di Canzoni Surreali

La fiera delle oscenità: autopsia della terza puntata

Fortunatamente il mio poco tempo a disposizione non mi permette di scrivere delle oscenità viste durante la terza puntata di Sanremo 2011. E meno male che era la più importante.

Questa volta gli artisti hanno fatto a gara a chi distruggeva il pezzo più storico del nostro Paese e devo dire che hanno fatto tutti la loro porca figura. Patty Pravo ha dimostrato ancora una volta tutta la sua ostinazione, ha cantato anche il suo pezzo in gara sperando nel ripescaggio, ma abbiamo subito capito che non c’erano più speranze. A un certo punto, poi, la si sente dire che si è appena tolta il gesso e allora lì non abbiamo più avuto alcun dubbio: l’hanno mummificata. Anna Oxa deve aver avuto lo stesso problema, perché alla fine non arrivava più ed entrambe non riescono più a muovere la mandibola, peché fanno poco esercizio dentro al sarcofago. E poi abbiamo dovuto assistere, impotenti, al trionfo di Albano e Anna Tatangelo, che tra un’Amanda e un Bastardo sono ritornati a lottare.

A un certo punto, poi, è salito un essere indefinito sul palco che no, non è Roberto Benigni ma doveva essere una valletta. Io ho seriamente pensato che fosse uno tra Luca e Paolo che stava facendo uno scherzo, poi ho scoperto che la realtà era ancora più cruda. E ne ho avuto ulteriore conferma quando sul palco sono saliti i Jonas Brothers ed un ragazzo rancoroso per essere nato uomo.

L’unica cosa bella di questa puntata, perdonatemi se non approfondisco a modo, è stata proprio Roberto Benigni e la sua altissima lezione sulla storia del nostro Paese. E qui non ci sono e non servono parole per commentare, ma ci terrei a sottolineare il fatto di aver visto un Masi frenetico, dalle prime poltrone dell’Ariston, intento a chiedere a La Russa di trovargli immediatamente il numero di telefono di tale Gramsci, un capellone occhialiuto che ha osato dire cose dalle quali voleva dissociarsi.

Io vi lascio con una perla del nostro Benigni: L’unica maniera per realizzare i sogni è svegliarsi! E mi raccomando, state uniti!