Autopsie Canore

Analisi Illogiche di Testi di Canzoni Surreali

Le frasi senza senso di Luciano Ligabue

Sarà la più grande rockstar di Italia insieme al suo amico Vasco Rossi, che in quanto a insensatezze sicuramente lo batte, ma Luciano Ligabue certe volte non è completamente ispirato e quindi vengono fuori delle frasi di dubbia artisticità.

Onde evitare che amorosini, scanini, napolitanini e fibrini che ascoltano anche Luciano Ligabue si accaniscano contro di me e le mie mezz’ore di vita sprecata per scrivere su questo blog, vi comunico che questo blog non se la prende seriamente con nessuno, ma gioca sui testi delle canzoni. Luciano Ligabue inoltre è uno dei miei artisti preferiti e ci impiego solamente 10 minuti a scrivere i post, che è la cosa fondamentale da comunicare.

Partiamo dagli esordi di Ligabue, siamo nel 1990 e in “Ligabue” troviamo la celebre “Marlon Brando è sempre lui” che fa proprio come il titolo: Marlon Brando è sempre lui. Questo spiega che già all’inizio della carriera del rocker di Correggio c’erano segni di quella che si chiama ripetitività priva di contenuto. Marlon Brando è sempre lui, a meno che non soffrisse di personalità multipla, non ci piove che Marlon Brando è sempre lui. O forse di notte diventava Brigitta?

L’anno successivo la sindrome di repetitio sine qua non arriva in “Lambrusco, coltelli, rose e pop corn” nel brano “Salviamoci  la pelle“: Salviamoci la pelle che, bella o brutta, è quella lì. E non servono ulteriori commenti, funziona un pò come per Marlon Brando.

Nel 1993 arriva “Quando tocca a te” che ribadisce il concetto nel ritornello: Quando tocca a te, tocca a te. Si ripropone l’ipotesi della doppia personalità, a meno che quando tocca a me io non pensi che tocchi all’altro me, allora tocca proprio a me.

Nel 1995 da “Buon compleanno Elvis” arriva “Quella che non sei”: Quella che non sei, non se. Difatti funziona proprio così, io riesco a capire di non essere ciò che non sono in base a ciò che sono e proprio per questo motivo escludo ciò che non sono arrivando a comprendere che non sono quella che non sono. Chiaro?

Direi che per il momento può bastare.

Strapazzatelo di coccole

Non potevo non concentrare la mia attenzione medica su un altro brano del Vasco Rossi, affetto da patologie che non sto qui a dire, che tanto le sapete meglio di me. Sempre tratto dall’ultimo capolavoro, questo brano si intitola: E adesso che tocca a me. Che un pò farebbe pensare a Ramazzotti, ma evitiamo di metterli tutti insieme sennò qui va a finire male.

Vaschino dei nostri cuori si pone degli interrogativi estremamente interessanti. Molto probabilmente la maggior parte di voi avrà provato le sue stesse sensazioni. Già vi vedo a scrivere queste frasi in giro per i diari e per i cavalcavia.

E adesso che sono arrivato
Fin qui grazie ai miei sogni
Che cosa me ne faccio
Della REALTÀ

Vasco, tesoro, in qualunque modo tu sia arrivato lì, sono certa che il colpevole-perchè c’è sempre un colpevole- non sei soltanto tu e che comunque quel colpevole, dovrà pagare un prezzo molto alto per questa svista.
Della realtà non fartene niente, chiediti piuttosto cosa ci sia oltre. E procedi con i tentativi concreti per scoprirlo.

Adesso che non ho
Più le mie illusioni
Che cosa me ne frega
Della VERITÀ

Vasco qui assume chiaramente il comportamento di una persona consapevole dei problemi che la affliggono, ma che vuole negarli. Finge menefreghismo, ma in realtà è perfettamente cosciente. Sappiamo anche che la verità fa male.

Adesso che ho capito
Come va il mondo
Che cosa me ne faccio Della SINCERITÀ
E adesso
E adesso

Così come la verità, la sincerità è altrettanto inutile. Vasco ha compreso come stanno le cose, adesso se ne frega veramente di tutto.

E adesso che non ho
Più il mio motorino
Che cosa me ne faccio
Di una macchina

Questa frase mi lascia esterrefatta. Qual è la spiegazione dell’inutilità della macchina correlata all’assenza del motorino?
Qual è il senso della mia frase?

Quella che segue, attenzione attenzione, è da inserire nelle frasi più geniali della storia della musica, insieme ai verdi conigli e agli anagrammi. A fine anno stileremo una classifica, ma per ora respirate a fondo e leggete:

Adesso che non c’è
Più Topo Gigio
Che cosa me ne frega
Della Svizzera

Direi che posso concludere qui. I versi che seguono perdono qualsiasi briciola di senso, sebbene già non ne avessero. Grazie a voi tutti per aver condiviso cotanta sofferenza con me.

Il Topo Gigio che non c'è più.

Il Topo Gigio che non c'è più.

Dedicata all’anagramma di Valentina.

Chi vuol giocare con Vasco?

Il celeberrimo rocker Vasco Rossi, sulla cresta dell’onda ormai da troppo tempo, ci rende maggiormente consapevoli di questo “troppo tempo” sfornando brani che, uno dopo l’altro, rendono bene l’idea del logoramento interiore ed esteriore del cantautore. Logoramento iniziato, comunque, pochi anni dopo la sua nascita. L’ubriacone di Zocca, oltre a mostrare una notevole fissazione nei confronti dell’atto sessuale e delle forme femminili, dimostra anche di non saper costruire frasi di senso propriamente compiuto. Son finiti i tempi di “Albachiara” (perversa quanto basta) da cantare tra fuochi e chitarre, il testo che analizzeremo oggi è stato strappato via all’ultimo album ed è “Gioca con me”.
Già il titolo basterebbe a rendere (in)giustizia alla canzone intera, il giocherellone Vasco inizia così:

Come riempi …bene quei jeans
Cammini come una dei filmsss
Coi tacchi quasi galleggi
C’hai dei movimenti che mi stendi
Che cosa fai… cammini così
Quanto tempo passi dentro quei jeans
Non pensi …sia ò…ra…che
Come mai non bevi un whisky con me
Dove devi andare adesso…dò…ve
E dovunque vai io vengo con te

La sospensione e le parole spezzate delineano il tasso alcolemico presente nel corpo del Blasco. Questa è una serie di complimenti nei confronti di una malcapitata che viene invitata a giocare con lui. Inoltre, a parte quell’o-ra da balbuzie post-sbronza, la frase rimane incompleta. Tutti si staranno chiedendo “ma ora che… che cosa?” e prontamente tira fuori il whiskey, inseparabile compagno di viaggio. Anche il do-ve offre un’immagine di un barcollante Vasco che insieme al suo fegato malridotto segue la povera donnina. La Carfagna lo chiamerebbe stolching.

Baby
E allora dài
Gioca con me
Fare l’amore è molto semplice
Non c’è
Nessun perché
Prendilo com’è

Ecco l’invito esplicito a fare all’amore, che è un gioco molto semplice. il “prendilo com’è” si presta a molteplici interpretazioni ma, poichè trattasi di bloggheria seria, lascio a voi intendere quel che il vostro cuore vuole intendere.

Non porti dei vestiti
Tu addosso li “possiedi”
È proprio lì…la forza che hai
E quando vedo i movimenti che fai
Lo sai che così non resisto
E scusami tanto se insisto
Baby

Ritorna il tema del “possesso”, che adesso però riguarda i vestiti che sul corpo della donna stanno eccezionalmente bene. Vasco ormai non ce la fa più, vuole giocare con lei, si scusa per l’insistenza, ma la carne è debole, si sa.

E allora dài
Gioca con me
Fare l’amore è molto semplice
Non c’è
Nessun perché
Prendilo com’è
E quando ormai non ti soddisfa più
Buttami via come sai fare tu
Non c’è
Nessun perché
Dedicalo a me!


Ritornello che si ripete, con aggiunta di un pizzico di masochismo, stile Negramaro. Vasco è da “soddisfatti o rimborsati” ma quel “Dedicalo a me” resta un mistero da affidare alla nuova stagione di Voyager.

Come riempi …bene quei jeans
Cammini come una dei filmsss
Coi tacchi quasi galleggi
C’hai dei movimenti che mi stendi
Che cosa fai… cammini così
E quanto tempo passi dentro quei jeans
Baby

Ecco, i tacchi che galleggiano sono un serio e inequivocabile segnale di sbronza avanzata. Vasco continua a chiedersi quanto tempo la donna passi dentro quei jeans, come se per portarli bene bisogna averci confidenza.
Ragazzuoli, inutile crederci ancora, Vasco non sta per niente bene. Aiutiamolo un pò, ha tanto bisogno di noi.

Vasco Rossi aspetta che tu giochi con lui.

Vasco Rossi aspetta che tu giochi con lui.

Dedicata all’anagramma di Vincenzo.